Donne Shuar: corpi attraversati dalla violenza mineraria.

In un momento in cui a livello globale la lotta contro la violenza sulle donne è tornata ad essere una delle priorità nelle agende di tutti i movimenti mondiali, portando migliaia di donne ad organizzarsi e a difendere i propri diritti, è fondamentale conoscere la violenza che subiscono le donne Shuar in un angolo remoto del mondo, dove però si trova il polmone del pianeta: l’amazzonia. Conoscere attraverso il racconto di Alba Crespo e delle donne di Tiink, che sono venute a Quito nel febbraio scorso a raccontare la loro situazione, è importante per comprendere la loro storia, la loro sofferenza, ma allo stesso tempo il loro coraggio e la loro resistenza. Così come il vero volto del governo progressista ecuadoriano e il suo modello di sviluppo minerario che impone un livello di violenza altissimo sul corpo delle donne che abitano quei territori che fanno appetito agli estrattivisti.

Annunci

DON’T CRY FOR ME ARGENTINA

Nell’ultimo mese le proteste che ci sono state in Argentina hanno messo a nudo le politiche patriarcali e anti sociali dello Stato e del governo Macri. Dal mese di marzo si è assistito ad un’escalation di manifestazioni, proteste da una parte e repressione e menefreghismo dall’altra. Il conflitto sociale è aumentato sia per lo scontento generalizzato, sia per la scelta chiara del governo di affrontare le richieste della popolazione con la repressione poliziesca e con la criminalizzazione attraverso i media.